Social

Follow us

Lo studio di architettura BIG vince il bando per la costruzione della nuova casa di S.Pellegrino

BIG S.Pellegrino

Lo studio di architettura Bjarke Ingels Group, con sede a Copenhagen e New York è il vincitore del bando per la costruzione della nuova sede di S.Pellegrino, sullo stesso sito dello stabilimento originale nel nord Italia, dove si è imbottigliato l’acqua minerale a partire dal 1899.

L’annuncio chiude il bando internazionale per la selezione di un progetto innovativo che non solo trasmettesse una visione artistica, ma che stabilisse anche nuovi standard in termini di efficienza e sostenibilità, fornendo inoltre un ottimo ambiente di lavoro.

I finalisti del bando erano quattro studi di architettura leader mondiali, ognuno celebre per progetti innovativi e futuristici.

BIG, fondato da Bjarke Ingels e Julien De Smedt nel 2001, è un celebre gruppo di architetti, designer, costruttori e progettisti che operano nei settori di architettura, urbanismo, interior design, architettura del paesaggio, design del prodotto, ricerca e sviluppo.

Lo studio è famoso per l’innovativo edificio VIA 57 West a New York, la Serpentine Gallery di Londra del 2016, il padiglione danese per l’Expo di Shanghai, e per la costruzione, in corso, del Two World Trade Center a New York.

Bjarke Ingels, socio di BIG, spiega così il progetto: “Eredita la sua struttura dal paesaggio della Val Brembana. Come in una cantina dei vini, in questo caso dedicata all’acqua, le arcate ripetute si espandono e si contraggono, creando la struttura perfetta per accogliere la purezza e la limpidezza dell’acqua minerale, in un ambiente caratterizzato da leggerezza, apertura e trasparenza”.

  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino
  • BIG S.Pellegrino

La proposta vincente di BIG si basa su una serie di passaggi interni ad arco che si espandono e si contraggono, e creano un’infinità di spazi come volte maestose, tunnel coperti, arcate e pergolati verdi, concedendo incredibili scorci delle montagne circostanti.

Il loro progetto comprende e valorizza l’architettura dello stabilimento esistente, creando allo stesso tempo una cornice elegante che permetterà ai visitatori di percepire la forza e la purezza della natura alpina circostante. Al centro, una grande riproduzione geologica mostrerà il percorso trentennale dell’acqua naturale, durante il quale si mineralizza e acquista il gusto puro e inconfondibile di S.Pellegrino.

Bjarke Ingels spiega in dettaglio la proposta vincente: 

Stefano Agostini, Presidente e AD di Sanpellegrino, ha commentato “Pensiamo che il progetto sia molto coerente con i nostri valori e l’eredità S.Pellegrino. Il focus sulla purezza, la naturalità e la trasparenza è in linea con la nostra mission di garantire all’acqua un futuro di qualità. La proposta delle arcate integra la fabbrica pre-esistente con la vallata circostante e permette di sperimentare visivamente il potere e la purezza della natura circostante. La proposta di BIG si integra e migliora il territorio di origine dell’acqua minerale S.Pellegrino, aggiungendo un tocco di stile moderno”.

La giuria è presieduta dall’Arch. Luca Molinari ed è composta dal Vice Presidente Nestlé S.A. e Responsabile Nestlé Waters Marco Settembri, dal Vice Presidente Nestlé S.A. e Responsabile Operations Magdi Batato, dal Presidente e AD Sanpellegrino S.p.A. Stefano Agostini, oltre ad altre figure di rilievo internazionale.

Gli aggiornamenti sugli sviluppi del progetto saranno disponibili su www.sanpellegrino.com e sulle piattaforme social di S.Pellegrino con l’hashtag #SanPellegrinoNewHome.

Up

View in portrait mode.