Social
Follow us

Annunciati i vincitori di The World's 50 Best Restaurants 2021

Noma vince The World’s 50 Best Restaurants 2021

Il ristorante Noma di Copenaghen con lo Chef René Redzepi e il suo team si è aggiudicato il primo posto al The World’s 50 Best Restaurants 2021, l’evento sponsorizzato da S.Pellegrino e Acqua Panna che celebra la gastronomia mondiale.

I vincitori sono stati proclamati martedì 5 ottobre durante un evento che si è tenuto ad Anversa, nelle Fiandre, regione settentrionale del Belgio con un ricco patrimonio culinario e culturale. L’evento è stato anche trasmesso in live streaming sui canali social di 50 Best.

Al momento della premiazione, lo Chef René Redzepi, chef e titolare del ristorante, ha ringraziato i membri del suo team affermando che tutto questo non sarebbe mai stato possibile senza di loro.

Il secondo e il terzo premio sono andati al ristorante Geranium di Copenaghen, Danimarca, con lo Chef Rasmus Kofoed e al ristorante Asador Etxebarri di Atxondo, Spagna, con lo Chef Victor Arguinzoniz.

Il giorno prima della cerimonia, S.Pellegrino ha presentato "Food meets Talent” – un evento alla scoperta dei talenti con l’obiettivo di evidenziare il loro ruolo cruciale nel futuro della gastronomia. Tra i protagonisti chef rinomati come Clare Smyth, Ana Roš, Micha Tsumura e Heston Blumenthal, ma anche giovani talenti come Adelaide Lala Tam, Kurt Evans, e, direttamente da S.Pellegrino Young Chef Academy, Mark Moriarty (vincitore nel 2015 di S.Pellegrino Young Chef Award), Paolo Griffa e Manon Schenck.

Altri premi

Durante la cerimonia del 5 ottobre sono stati assegnati dei nuovi premi sponsorizzati da S.Pellegrino:  i Champions of Change. Nati con lo spirito di celebrare i food heroes locali in grado di portare cambiamenti positivi nelle loro comunità, questi tre premi inaugurali sono andati a: Kurt Evans di Philadelphia, USA, che utilizza il suo talento culinario per sollecitare la comunità ad attivarsi contro l’incarcerazione di massa; Viviana Varese – chef del ristorante Viva di Milano – determinata nel sostenere l’inclusività e nell’abbattere le barriere intorno al mondo LGBTQ+ e Deepanker Khosla – chef e titolare di Haoma a Bangkok, Tailandia – ristorante trasformato in mensa per i poveri durante la pandemia.

The World's Best Female Chef 2021 è stato assegnato alla chef peruviana Pía León, chef e titolare del ristorante Kjolle a Lima e co-titolare del Central, mentre l’Icon Award è andato a Dominique Crenn dell’Atelier Crenn a San Francisco, autore e attivista LGBTQ+ a sostegno dell’inclusività e della sostenibilità. Infine, il premio One To Watch è stato vinto dall’ Ikoyi di Londra, un ristorante cosmopolita che costruisce la propria cucina a base di spezie attorno alla microstagionalità britannica.

Scopri l’elenco completo dei 50 migliori ristoranti al mondo su Fine Dining Lovers.

Up

View in portrait mode.